reportage fotografico sul viadotto italia

[vc_row][vc_column][vc_column_text]

reportage industriale viadotto italia
Viadotto Italia from old Laino Castello

 

Reportage fotografico nel Parco del Pollino

Per chi si trovi a viaggiare in Italia verso sud, proveniente però dal sud stesso, dal sud pugliese per la precisione, non esiste praticamente alternativa al percorrere il lato occidentale della Calabria, tramite l’autostrada A2 Salerno-Reggio Calabria.

Troppo lenta e lunga infatti appare la Strada Statale Ionica SS106, che seguendo la costa porta fino a Reggio Calabria passando per Capo Spartivento. Questa va piuttosto seguita fino a Sibari, da dove poi si attraversa un tratto di Calabria stretto e pianeggiante per spostarsi verso il Tirreno e imboccare la A2.

 

viadotto reportage
Viadotto Italia, the 2nd tallest viaduct in Europe

 

L’autostrada A2 Salerno-Reggio Calabria

Ma se vogliamo ammirare un percorso panoramico e mozzafiato, possiamo imboccare a Policoro la SS653 Sinnica, e poi nei pressi di Lauria, attraversare la natura selvaggia dei monti del Cilento prima, e del Parco Nazionale del Pollino poi, continuando giù verso Sila e Aspromonte.

Si percorre quindi uno dei viadotti più alti del mondo, (il quarto per l’esattezza, dal 2004 solo secondo in Europa, dopo la costruzione del Viadotto di Millau, in Francia) con i suoi 245 mt di altezza sulle gole del fiume Lao. Per apprezzarne in pieno la sua ardita ingegneria, e realizzare un reportage fotografico, bisogna però lasciare ‘autostrada e percorrere la valle del Lao, o inerpicarsi sui borghi che si affacciano sul fiume.

 

Le gole del fiume Lao

Laino Borgo è il centro da cui partono le escursioni di rafting attraverso le gole del Lao, che sfocia poi, dopo circa 6 ore, presso Scalea. Da Laino Borgo poi, ammirando il Viadotto Italia, si sale verso Laino Castello, e da qui verso Laino Castello vecchio, l’antico borgo abbandonato dopo il terremoto dell’Irpinia del 1980, e ora in corso di recupero graduale.

 

reportage fotografico viadotto italia
The Lao river valley

Dalla sua piazzetta con la chiesa di San Teodoro, dai tavoli del ristorante albergo diffuso Lavinium, lo sguardo sul ponte è maestoso, su una valle selvaggia, ferita al centro dalle altissime gole, e dal lontano rombo dei TIR che percorrono il viadotto e si impongono sul silenzio della valle.

 

laino castello
San Teodoro church in old Laino Castello and Italia Viaduct in background

 

Una presenza in sottofondo

Le grandi opere di ingegneria mi hanno sempre affascinato, e certamente i viadotti raccontano lo smisurato potere di cambiamento dell’ambiente che l’uomo è in grado di compiere, a vantaggio del suo insediarsi nei territori più difficili.

Un potere di costruzione e di distruzione, allo stesso tempo terrificante e affascinante, che senza dubbio, nel cercare una forma di equilibrio, trova la sua migliore espressione tra progresso e benessere economico e conservazione della natura, sempre più ormai diventata essa stessa fonte di reddito con l’economia indotta dalla fruizione di Parchi e Riserve.

 

disegno viadotto

Lo sviluppo quindi dovrà sempre più cercare forme di espressione che non siano solo penetrazione nel territorio ma un accompagnamento discreto alla conoscenza e alla fruizione equilibrata delle risorse che esso custodisce.

Io ho cercato con il mio reportage fotografico di raccontare il rapporto che lega queste due entità, necessità dei Trasporti e rispetto e tutela dell’ Ambiente.

 

viadotto italia
Viadotto Italia in A2 Motorway

 

 

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

I am text block. Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Menu