Copyright su Houzz, il portale del mondo casa dal controverso rapporto con la fotografia professionale

[vc_row][vc_column][vc_column_text]

Parlando di attività sui canali social, spesso tralasciamo di porre l'attenzione su alcuni aspetti cruciali per un fotografo professionista. Vediamo come funziona il copyright su Houzz.

Di recente sono stato contattato dagli uffici commerciali di Houzz.com, con la proposta di aderire ad un piano sponsorizzato di visibilità all'interno della piattaforma.

Per chi non lo conoscesse, Houzz.com è un portale dedicato al mondo della casa e di ciò che ruota intorno alla sua realizzazione, ristrutturazione, arredamento, modalità di viverla.

E' sicuramente un portale interessante, ricco di spunti e di idee, con milioni di fotografie presenti al suo interno, in genere caricate dagli stessi utenti, e, particolare interessante, dagli stessi utenti corredate dei tags principali: una ben nutrita serie di keywords controllate attraverso un procedimento di input che obbliga ad una compilazione con un minimo di attenzione.

Gli idea books sono un altro strumento a disposizione dell'utente per raccogliere immagini segnalibro, trovate navigando attraverso la piattaforma, e questi appunti possono essere condivisi con altri utenti o resi pubblici e incrementabili da altri.

 

 

 

Il risultato di queste modalità di uso ha fatto si che la piattaforma ottenesse in tempi abbastanza rapidi una grande diffusione, diventando una vetrina per un certo numero di figure professionali che ruotano intorno al mondo casa.

Una cosa che caratterizza piacevolmente Houzz è una sorprendente presenza di immagini di buona qualità, in percentuale superiore, per intenderci, anche a portali di prenotazione turistica come Booking.com, che alla qualità fotografica demandano (o almeno dovrebbero!)  un grandissimo valore nel processo di vendita, un valore definitivo nella fase della scelta.

 

copyright su houzz

L'insieme di questi ingredienti, la visibilità del proprio profilo professionale corredato da badges di obiettivi raggiunti, arricchito anche dalla possibilità di costruire all'interno del portale un minisito web personale, ha portato al suo successo e alla creazione di un funzionale database di immagini fotografiche; queste, per le caratteristiche qualitative e per i tags inseriti che ne agevolano la ricerca, potrebbero anche essere utilizzate commercialmente da Houzz come foto di stock in vendita, se decidesse in tal senso.

Infatti nell'apertura del nostro profilo sottoscriviamo un accordo nel quale concediamo questa (ed altre) facoltà.

 

"... l'utente concede a Houzz ....  una licenza non esclusiva, perpetua, irrevocabile, royalty-free, gratuita e valida in tutto il mondo..... per l'uso, la copia, l'elaborazione, l'adattamento, la riproduzione e l'esposizione al pubblico, la modifica, la creazione di opere derivate, la pubblicazione, la trasmissione e la distribuzione .....  in tutto il mondo, in qualunque formato e con qualsiasi mezzo di comunicazione ...."

Terrificante vero? qui ci sono le condizioni d'utilizzo complete , in particolare al punto 2.b ......

Se è vero che probabilmente Houzz non intraprenderà mai un percorso di trasformazione in una photo stock agency, è altrettanto vero che troppo spesso noi concediamo grandi diritti sul copyright   del nostro lavoro con estrema leggerezza, senza  sforzarci e leggere "noiosissimi contratti", nell'urgenza di partecipare alle attività social di queste piattaforme.

 

Per non parlare del fatto che, parlando di fotografia di proprietà private, insieme al copyright su Houzz, trasferiamo anche dei diritti che non abbiamo, facendoci quindi carico di eventuali contestazioni da parte del legittimo proprietario dell'immobile e del diritto ad esso connesso.

 

 

Non possiamo nemmeno ripensarci (o meglio pensarci in ritardo, non avendolo fatto prima) in quanto le foto caricate non sono eliminabili e i diritti concessi irrevocabili:

 

"....Detta autorizzazione sarà permanente e non potrà essere revocata per qualsiasi ragione, entro i limiti previsti dalla legge applicabile. L'utente ci autorizza inoltre a utilizzare i propri Contenuti in qualsiasi maniera che riteniamo essere opportuna o necessaria....."

Questa disattenzione porta inevitabilmente a sminuire il valore delle foto che realizziamo,  ripagato, o almeno si spera, con una elevata visibilità del nostro lavoro.

Resta da stabilire se tale visibilità convertirà poi in qualche commessa di lavoro, o se resta fine a se stessa, come spesso accade nei social.

 

 

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

I am text block. Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Menu
Apri chat
1
Contattami subito
Hai mai pensato che con una sola prenotazione rientreresti della spesa di un servizio fotografico professionale?